E’ partito il conto alla rovescia per l’undicesima edizione degli Internazionali Città di Vicenza, da quest’anno Trofeo AC Hotel Vicenza. E proprio nella sede del nuovo main sponsor si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della terza edizione del Challenger con un montepremi di 50.000 euro che prenderà il via sabato 21 maggio sui campi di contrà della Piarda con le qualificazioni per poi entrare, da lunedì pomeriggio, negli incontri del tabellone principale.

“Un grazie ad AC Hotel Vicenza che ha dato un grandissimo aiuto al circolo accettando di diventare sponsor principale del torneo” ha esordito Enrico Bettini, amministratore unico di Tennis Palladio 98, società organizzatrice, che ha rinnovato la sfida di portare ancora una volta il grande tennis in città. “Collaboriamo con Tennis Palladio 98 fin dall’inizio – conferma Maela Peruffo, general manager di AC Hotel Vicenza – e anche noi abbiamo visto questa manifestazione crescere di importanza e di prestigio e oggi siamo contenti di essere diventati main sponsor”. Riprende la parola Bettini, già con uno sguardo al… futuro: “Dall’anno prossimo, oltre al montepremi di 50.000 dollari, il circolo organizzatore dovrà aggiungere l’ospitalità. Dunque, un nuovo impegno dal punto di vista economico, anche se noi siamo sempre andati avanti un passo alla volta. Intanto, ringrazio la Federazione che tre anni fa ci ha permesso di fare quel salto di qualità passando alla categoria dei Challenger”.

E, a rappresentare la Fit, era presente il suo vice presidente, il vicentino Gianni Milan: “I tornei Challenger stanno diventando sempre più importanti per il tennis di oggi – ha spiegato – Rappresentano infatti un viatico per diventare giocatori di alto livello anche se c’è uno stacco importante a livello di montepremi con i tornei Atp 250 o 500. Come Federazione abbiamo costantemente d’occhio i Challenger, da cui di recente sono usciti tanti giocatori entrati tra i primi 100 del mondo e, in più, diamo un aiuto economico ai circoli organizzatori in cambio delle wild card: più tornei abbiamo in calendario e più wild card possiamo avere per cercare di lanciare i nostri giovani nel circuito professionistico. Sono contento che Enrico Bettini continui in questa ormai consolidata tradizione e do il benvenuto ad AC Hotel. Il tennis sta vivendo un momento molto felice, sia a livello di numeri sia sotto l’aspetto sociale e di aggregazione. Nel giro di un anno diventeremo il secondo sport in Italia come praticanti e il nostro obiettivo è di superare anche il calcio. Del resto il tennis è uno sport completo, per tutti, che si può praticare dai 4 agli… 80 anni. Ma non c’è solo il tennis perchè sono convinto che prenderà sempre più piede pure in Italia il paddle, che in Spagna è già un fenomeno sociale. L’invito della Fit ai Comuni è quello di costruire campi da paddle e Vicenza, con un assessore lungimirante quale si è rivelato Umberto Nicolai, sono convinto che accetterà la nuova sfida. Senza dimenticare gli oltre cento mila bambini che giocheranno a badminton nel nuovo progetto avviato nelle scuole. In poche parole, programmi importanti per una Federazione che ha risorse per investire nella promozione”.

Riceve l’assist l’assessore alla formazione Umberto Nicolai: “E’ un piacere sentire parlare di numeri. Sono infatti convinto che non sono con il calcio si coinvolgano le persone. Ben vengano gli sport motivanti e la Fit è una di quelle federazioni che crea appassionati e sportivi veri come poche altre sanno fare. Ad esempio la scherma riesce ad entusiasmare per un breve tempo, di solito a ridosso dei successi olimpici, ma poi l’entusiasmo scema. A Vicenza, otto anni fa, avevo trovato il tennis invecchiato nel tempo e in una situazione precaria. Invece, grazie ad un gruppo di persone motivate e alle sinergie con il Comune, oggi è diventato un punto di riferimento in città e nella nostra regione. L’augurio è che ci sia continuità anche considerando che ci sono altri circoli, oltre a quelli cittadini, ad aver tratto benefici dal movimento. Il torneo internazionale, poi, è un po’ il fiore all’occhiello e spicca nella candidatura di Vicenza a città europea dello sport nel 2017. Un torneo che va avanti anche senza uno sponsor importante come la Banca Popolare che, non dimentichiamolo, in questi anni era stato un riferimento importante per tutti gli sport. Ringrazio il tennis per questa opportunità che ci offre e che permette di avvicinare i ragazzi allo sport: la scuola deve fare la sua parte, le società sportive la loro. La città dal tennis si aspetta molto, ma i fenomeni sportivi crescono se ci sono i giovani: quelli che eccellono in una pratica agonistica e pure quelli meno bravi. Tenere solo i migliori sarebbe un grave errore”. E, proprio per favorire la linea verde, l’ingresso sarà gratuito anche il giorno della finale. “Una nostra scelta – sottolinea Bettini – considerando il torneo un veicolo promozionale”. Dal punto di vista tecnico la lista dei giocatori nel main draw si annuncia di primissimo livello, con i primi otto tutti dentro la posizione 120 del ranking Atp. Unico neo i pochi italiani: Andrea Arnaboldi e Luca Vanni. Tre delle quattro wild card della Federazione sono state già assegnate a Matteo Donati, Francisco Bahamonde (ndr. giocatore tesserato per Tennis Comunali Vicenza) e ad Edoardo Eremin nel tabellone principale e ad Omar Giacalone e Julian Ocleppo (figlio dell’ex Davisman Gianni) nelle qualificazioni. “La Federazione in cambio delle wild card contribuisce stanziando 18 mila euro per il circolo organizzatore, più 7 mila in buoni per i centri estivi della Fit, che hanno fatto registrare un incremento del 40% delle iscrizioni in Italia. Investimenti questi che mettiamo a bilancio nel settore tecnico”.

Ancora da assegnare le quattro wild card nelle qualificazioni di Tennis Palladio 98: “Cercheremo di far giocare i vicentini” conclude Bettini. “Mi piacerebbe vedere Lorenzo Sonego, classe 1995, uno dei nostri giovani più promettenti, protagonista anche a Roma” aggiunge Milan. Sabato 28 maggio si giocheranno le due semifinali del singolare e la finale del doppio. Domenica 29 la finalissima. Giudice del torneo sarà Carmelo Di Dio*.

 

Paola Ambrosetti

Direttore Sport Quotidiano 

 

*Si precisa che per l’utilizzo di testi, virgolettati e fotografie è sempre necessario citare la fonte: Paola Ambrosetti o Sport Quotidiano.