Giornata a forti tinte azzurre quella vissuta oggi al Challenger di Vicenza 2017, torneo ATP in corso di svolgimento sui campi in terra rossa del Tennis Palladio. Avanzano infatti gli italiani con le belle e nette affermazioni di Eremin, Berrettini e Mager. Il primo ha beneficiato del problema al braccio occorso allo spagnolo Enrique Lopez Perez costretto al ritiro e domani dovrà vedersela contro Melzer (3) in un match che almeno sulla carta promette spettacolo.

Discorso diverso per Berrettini e Mager che hanno dovuto faticare e non poco per avere la meglio sui rispettivi avversari. Berrettini, opposto a Hidalgo, è andato subito avanti nel primo game centrando un break che gli ha poi consentito di chiudere il set 6-4. Molto equilibrio invece l’inizio del secondo set dove il giovane italiano ha però centrato un altro e decisivo tie break al quarto gioco. Punteggio finale 6-4 6-4. Davvero ottima la prestazione di Berrettini che ha mostrato grandi percentuali al servizio concedendo all’avversario solo 12 punti nei game in battuta. Ad aspettare adesso al varco l’italiano c’è il tedesco Marterer, a sua volta autore di una grande prestazione contro l’americano Krueger sconfitto al termine di un match durato più di due ore.

Era un Gonzalez davvero in forma quello opposto a Mager, altro italiano ad aver staccato il pass d’accesso al secondo turno del MD. Primo set molto equilibrato e deciso al tie break. Momento ovviamente topico nel quale Gianluca ha condotto le danze sin da subito chiudendo alla fine 7-2. Partenza sprint per l’italiano anche nel secondo set, con un parziale di 4-2 che a quel punto, con un set di vantaggio, costituiva più di una seria ipoteca sulla vittoria del match. Gonzalez non si è comunque arreso, ha rimontato e si è portato sul 5-4. Mager al servizio non ha però fallito il game per lui decisivo chiudendo sul 6-4.

Grande mattatore di giornata anche Giustino (ritratto in foto, fonte Tennis Circus) , autore di una prestazione maiuscola contro l’argentino Andreozzi. L’atleta italiano ha confermato l’ottima stagione disputata sin qui chiudendo con un agevole 6-3 6-2; Andreozzi dal canto suo non è mai parso in partita né ha dato mai l’impressione di poter contendere la vittoria all’azzurro. Accedono al MD anche Rola, Stebe e Coria.